TEATRO, IL 12 IN SCENA LAMPEDUSA CON TROIANO E FINOCCHIARO

Lampedusa-900x470-2

CONVERSANO (BARI) – Dopo il successo ottenuto da Sebastiano Somma con “Lucio incontra Lucio”, martedì 12 dicembre tocca ad un altro grande attore del panorama italiano. Stiamo parlando di Fabio Troiano che dopo la parentesi vacanziera della scorsa estate, torna a Conversano con “Lampedusa”, di Anders Lustgarten traduzione di Elena Battista con Donatella Finocchiaro, nell’adattamentoe regia di Gian Piero Borgia. “Un’escursione coraggiosa nelle acque oscure della migrazione di massa”, come ha scritto il The Guardian recensendo la messa in scena londinese.

Il testo mette a confronto con coraggio la vita di un pescatore siciliano, ormai impegnato a recuperare i corpi dei profughi annegati in mare, con quella di una donna immigrata di seconda generazione -qui una marocchino italiana-, che riscuote crediti inevasi  per una società di prestiti. Invece che concentrare la sua attenzione sui giochi della politica interna inglese e i possibili scenari in odore di Brexit, Lustgarten allarga la sua riflessione a livello più globale.  Un testo coraggioso e audace,  che affronta il tema serissimo della migrazione di massa portandolo al suo livello di urgenza e che dimostra che dietro le statistiche orrende di profughi annegati o le notizie allarmistiche sulla stampa circa i benefici riconosciuti quasi immeritatamente ai profughi, giacciono vite di individui che hanno conosciuto ogni tragedia, prima di rivolgersi al mare per provare ad andare via. E ricominciare a sperare.

Rassegna Stampa